Un vino che parla anche ai profani

La semplicità è l’arte dell’artigiano serio
Quando si parla di vini, si alimentano i luoghi comuni più disparati. Allora iperboli ed aneddoti si richiamano l’un l’altro nelle discussioni più accese; un po’ come quando due farfalle si rincorrono in aria. Alcune più fantasiose, altre dettate dal sensazionalismo dei mass-media, così il consumatore perde la bussola, ed allora il classico dei luoghi comuni è: ognuno beve ciò che li piace. Per noi non è vero: bisogna cercare il vino buono come quello in degustazione oggi. La sua artigianalità è importante, perchè nasconde l’essenza dell semplicità; perchè la natura è semplice nella sua complessità di organismo vivente.
Noi oggi abbiamo in degustazione ciò che significa semplicità di un artigiano che trasmette passione e coraggio nei suoi prodotti. Un marchio giovanile, in una terra spesso ricordata per le “solite etichette”. La terra astigiana ha dei blasoni importanti ed emergere in mezzo i giganti è difficile per il piccolo produttore.
Questo è il caso di Emilio Vada che produce ottimi vini, particolari nelle espressioni olfattive e gustative, ma soprattutto produce il cosiddetto vino buono, aldifuori dei luoghi comuni.
Un bouquet floreale ampio e sfavillante è il presagio che questo vino asseconderà anche il palato più critico. Rosa e viole appena innaffiate sprigionano sentori lunghi. Un cenno velato di frutta rossa, appena matura, pronta per essere mangiata; frutta rossa di stagione che ammalia il degustatore. Buon equilibrio, acidità e freschezza unita da una buona morbidezza per questo vino giovane. Il tannino delicato si adagia su un riverbero persistente di lampone. Il buon vino del contadino, artigiano della natura, è la corretta espressione che incarna questo prodotto. Un vino piemontese diverso ed alternativo, come la natura ampelografica italiana da tutti invidiata nel mondo.
https://www.emiliovada.com/
Si invitano i lettori a contattarci all’indirizzo e-mail
info@ilpizzicodelgallo.it
per avere la scheda di degustazione del vino appena descritto
read more