Il Pizzico del Gallo

Chi sono

Mi chiamo Antonio detto “Pizzico”, sono sommelier AIS. Nella vita faccio tutt’altro; tuttavia negli ultimi anni, ho voluto mettere a nudo una mia vecchia passione.

Così ho intrapreso e concluso con successo un corso Sommelier Ais nella mia regione natìa, la Puglia.

In Puglia ho mosso i primi passi nel settore della viticoltura. Mi sono diplomato come perito agrario ma poi ho proseguito il mio percorso accademico in un altro settore che è poi diventato il mio attuale lavoro.

Finora la mia carriera sembra un po’ come il gioco del Monopoli: prima o poi ripassi dal via! Perciò ho trasformato un vecchio diploma in una passione, il mio principale hobby: l’enologia. read more

Le mie degustazioni

In viaggio nel mondo di Bacco


Lubaco di Terracruda

Il sontuoso aleatico delle Marche

Continuiamo il nostro viaggio tra le eccellenze enologiche d’Italia con un vino proveniente dal pesarese. La Cantina Terracruda ci presenta un’etichetta prodotta dal vitigno Aleatico (meglio conosciuta da queste parti come Pergola).
Oggi torniamo in un’azienda a noi già nota, Cantina Terracruda di Luca Avenanti per assaggiare un vino legato alla tradizione territoriale di un regione vitivinicola fucina di ricche meraviglie enoiche.
Nella antica città di Pergola il vitigno omonimo rappresentava un progenitore dell’attuale Aleatico. Il vitigno è ecclettico, tanto che la sua coltivazione oltre a risalire al tempo degli Etruschi, è versatile per qualsiasi latitudine. Questo lo rende particolarmente resistente a qualsiasi condizione climatica; tuttavia, esprime le sue migliori caratteristiche solo in detrminate zone ed in condizioni particolarmente favorevoli della nostra penisola. L’ambiente pedoclimatico dei terreni di proprietà della cantina di oggi, garantisce degli standard qualitativi molto elevati utili ad ottenere un prodotto riconosciuto e blasonato nelle migliori fiere internazionali.
Al calice si presenta un colore rosso vivido che vira, con determinate tonalità di luce, quasi al blu; la sua consistenza è meravigliosa, ma ciò che sorprende in maniera preponderante è l’aromaticità che sprigiona durante l’esame olfattivo. Una lunga persistenza speziata, tostata, con punte arrotondate di un’aromaticità infinità. Veli imponenti di frutta matura e fiori rossi accarezzano le pareti del nostro calice.
In bocca ci sono emozioni fortemente fruttate e floreali; intorno si aggomitolano speziature nette, lunghe, decise, quasi tostate con sentori caldi ed estrosi. Un vortice di sensazioni ed una strabiliante lunghezza per un’etichetta abbinata ad un piatto di cacciagione che ne esalta le doti.
Terracruda è un’azienda blasonata che enfatizza il carattere ampelografico locale e cerca di valorizzare il territorio nostrano per l’internazionalizzazione del Made in Italy. read more

L’anima di Cirò, una vera rivoluzione

“Dalla Terra” i prodotti enologici della famiglia Parrilla
La terra restituisce gli sforzi fatti dal bracciante. Così si apriva un famoso convegno dove era presente il famoso chimico ed accademico tedesco von Liebig. Se prendiamo ad esempio una suo scritto si capisce la vera essenza di questa etichetta proveniente dalla Terra di Cirò. Egli nel suo testamento espresse il suo dispiacere per avere, per anni, voluto dimostrare che la terra era semplicemente un mezzo per raggiungere dei fini produttivi e che essa potesse essere utilizzata dall’uomo in qualsiasi modo, perchè con la concimazione chimica si sarebbe sopperito alle esigenze delle piante. In punto di morte, egli ammise che non era affatto così, bensì dovette asserire che la terra, in quanto essere vivente, non può essere trattata come un mero mezzo di produzione. Pertanto, oltre alle concimazioni, l’uomo avrebbe dovuto applicare delle tecniche agronomiche più rispettose dell’ambiente e degli esseri viventi.
Degustando “Dalla Terra” si evincono i passaggi naturali di un prodotto che è rispettoso dei dettami della natura. La terra in questo caso è parte della vita degli uomini che la lavorano. E’ parte di un processo rispettoso di principi naturali che alimentano una catena produttiva semplice, verace, senza artifici esterni e/o indotti. La naturalità di questo vino si evince dalle prime “boccate”. Sembrerà una metafora poco consona, ma questo vino si respira, come una mattina appena soleggiata in riva al mare e la rugiada autunnale sulle foglie.
Il colore deciso rosso rubino, tipico del Gaglioppo, per questa riserva fulminante al naso. Una brezza marina salina ci pervade il palato, un leggiadro fruttato ed un floreale che si apre a quel sentore leggermente foxy tipico di un naturale vero. Equilibrio e persistenza da far invidia anche ai grandi blasoni. Un ampio ventaglio di frutti appena maturi, a polpa rossa, di fiori recisi freschi ed una sapidità ben concentrata, lasciano spazio a qualche speziatura leggera e piacevole, di pepe nero o chiodo di garofano.
Questo vino è una vera chicca del cirotano. Un esempio di come il viticoltore ama assecondare i principi naturali per fornire prodotti di pregio al consumatore sempre più esigente.

Si invitano i lettori a contattarci all’indirizzo e-mail
info@ilpizzicodelgallo.it
per avere la scheda di degustazione del vino appena descritto

read more

L’amore ai tempi del Pantumas

La fine delle tre parche nella metafora del Pantumas
Un tempo c’erano le parche, sostenevano gli antichi, coloro che decidevano l’inizio e la fine della vita. Coloro che, metaforicamente, erano le artefici del destino dell’uomo. Loro non conoscevano Pantumas, cioè il momento della nascita e della dipartita simultanea di più esseri umani. Come la definisce Niffoi, solo coloro uniti da un vincolo fondamentale, l’amore, potranno godere di questo privilegio. Perchè è un privilegio per gli abitanti della comunità del Medio-Campidano. Non sopravvivere all’amato coniuge preserva maggiormente l’anima dalla sofferenza. Lo scherno e la sofferenza, nel ricordo del proprio caro ormai dipartito, è l’essenza più distruttiva di un amore spezzato nella vita terrena.
Pantumas nasce come etichetta del nostro vino in degustazione con una metafora molto profonda e toccante. Nasce con una profondità intrinseca di animo, il cui nome ne rappresenta una sintesi; allo stesso tempo reca con sè il privilegio di poter godere del proprio amore fino a che, insieme, raggiungeranno altre mete lontano dalla vita terrenza.
Il colore è vivo, splendente, quasi aranciato, fuori scala di rosa antico. La vinificazione in bianco del Cannonau regala un ventaglio di aromi molto variegati e nitidi. Sentori di ciliegia, lampone e ribes, fiori freschi anche un pò erbacei di macchia mediterranea, lasciano spazio a velate speziature quasi impercettebili. Buon equilibrio con un’acidità ben delineata, una freschezza viva e decisa. Ottima la percezione retronasali con le foglie di macchia verdi che tornano quasi vorticosamente.
Il metodo biodinamico utilizzato dal produttore enfatizza la naturalità di questo prodotto. Pietro e sua moglie Roberta hanno un legame indissolubile con questa terra. Pantumas è l’emblema della tradizione sarda e del mistero avvolgente che questa terra è capace di regalare.

Si invitano i lettori a contattarci all’indirizzo e-mail
info@ilpizzicodelgallo.it
per avere la scheda di degustazione del vino appena descritto

read more

Le mie degustazioni

In viaggio nel mondo di Bacco


Lubaco di Terracruda

Il sontuoso aleatico delle Marche

Continuiamo il nostro viaggio tra le eccellenze enologiche d’Italia con un vino proveniente dal pesarese. La Cantina Terracruda ci presenta un’etichetta prodotta dal vitigno Aleatico (meglio conosciuta da queste parti come Pergola).
Oggi torniamo in un’azienda a noi già nota, Cantina Terracruda di Luca Avenanti per assaggiare un vino legato alla tradizione territoriale di un regione vitivinicola fucina di ricche meraviglie enoiche.
Nella antica città di Pergola il vitigno omonimo rappresentava un progenitore dell’attuale Aleatico. Il vitigno è ecclettico, tanto che la sua coltivazione oltre a risalire al tempo degli Etruschi, è versatile per qualsiasi latitudine. Questo lo rende particolarmente resistente a qualsiasi condizione climatica; tuttavia, esprime le sue migliori caratteristiche solo in detrminate zone ed in condizioni particolarmente favorevoli della nostra penisola. L’ambiente pedoclimatico dei terreni di proprietà della cantina di oggi, garantisce degli standard qualitativi molto elevati utili ad ottenere un prodotto riconosciuto e blasonato nelle migliori fiere internazionali.
Al calice si presenta un colore rosso vivido che vira, con determinate tonalità di luce, quasi al blu; la sua consistenza è meravigliosa, ma ciò che sorprende in maniera preponderante è l’aromaticità che sprigiona durante l’esame olfattivo. Una lunga persistenza speziata, tostata, con punte arrotondate di un’aromaticità infinità. Veli imponenti di frutta matura e fiori rossi accarezzano le pareti del nostro calice.
In bocca ci sono emozioni fortemente fruttate e floreali; intorno si aggomitolano speziature nette, lunghe, decise, quasi tostate con sentori caldi ed estrosi. Un vortice di sensazioni ed una strabiliante lunghezza per un’etichetta abbinata ad un piatto di cacciagione che ne esalta le doti.
Terracruda è un’azienda blasonata che enfatizza il carattere ampelografico locale e cerca di valorizzare il territorio nostrano per l’internazionalizzazione del Made in Italy. read more

L’anima di Cirò, una vera rivoluzione

“Dalla Terra” i prodotti enologici della famiglia Parrilla
La terra restituisce gli sforzi fatti dal bracciante. Così si apriva un famoso convegno dove era presente il famoso chimico ed accademico tedesco von Liebig. Se prendiamo ad esempio una suo scritto si capisce la vera essenza di questa etichetta proveniente dalla Terra di Cirò. Egli nel suo testamento espresse il suo dispiacere per avere, per anni, voluto dimostrare che la terra era semplicemente un mezzo per raggiungere dei fini produttivi e che essa potesse essere utilizzata dall’uomo in qualsiasi modo, perchè con la concimazione chimica si sarebbe sopperito alle esigenze delle piante. In punto di morte, egli ammise che non era affatto così, bensì dovette asserire che la terra, in quanto essere vivente, non può essere trattata come un mero mezzo di produzione. Pertanto, oltre alle concimazioni, l’uomo avrebbe dovuto applicare delle tecniche agronomiche più rispettose dell’ambiente e degli esseri viventi.
Degustando “Dalla Terra” si evincono i passaggi naturali di un prodotto che è rispettoso dei dettami della natura. La terra in questo caso è parte della vita degli uomini che la lavorano. E’ parte di un processo rispettoso di principi naturali che alimentano una catena produttiva semplice, verace, senza artifici esterni e/o indotti. La naturalità di questo vino si evince dalle prime “boccate”. Sembrerà una metafora poco consona, ma questo vino si respira, come una mattina appena soleggiata in riva al mare e la rugiada autunnale sulle foglie.
Il colore deciso rosso rubino, tipico del Gaglioppo, per questa riserva fulminante al naso. Una brezza marina salina ci pervade il palato, un leggiadro fruttato ed un floreale che si apre a quel sentore leggermente foxy tipico di un naturale vero. Equilibrio e persistenza da far invidia anche ai grandi blasoni. Un ampio ventaglio di frutti appena maturi, a polpa rossa, di fiori recisi freschi ed una sapidità ben concentrata, lasciano spazio a qualche speziatura leggera e piacevole, di pepe nero o chiodo di garofano.
Questo vino è una vera chicca del cirotano. Un esempio di come il viticoltore ama assecondare i principi naturali per fornire prodotti di pregio al consumatore sempre più esigente.

Si invitano i lettori a contattarci all’indirizzo e-mail
info@ilpizzicodelgallo.it
per avere la scheda di degustazione del vino appena descritto

read more

L’amore ai tempi del Pantumas

La fine delle tre parche nella metafora del Pantumas
Un tempo c’erano le parche, sostenevano gli antichi, coloro che decidevano l’inizio e la fine della vita. Coloro che, metaforicamente, erano le artefici del destino dell’uomo. Loro non conoscevano Pantumas, cioè il momento della nascita e della dipartita simultanea di più esseri umani. Come la definisce Niffoi, solo coloro uniti da un vincolo fondamentale, l’amore, potranno godere di questo privilegio. Perchè è un privilegio per gli abitanti della comunità del Medio-Campidano. Non sopravvivere all’amato coniuge preserva maggiormente l’anima dalla sofferenza. Lo scherno e la sofferenza, nel ricordo del proprio caro ormai dipartito, è l’essenza più distruttiva di un amore spezzato nella vita terrena.
Pantumas nasce come etichetta del nostro vino in degustazione con una metafora molto profonda e toccante. Nasce con una profondità intrinseca di animo, il cui nome ne rappresenta una sintesi; allo stesso tempo reca con sè il privilegio di poter godere del proprio amore fino a che, insieme, raggiungeranno altre mete lontano dalla vita terrenza.
Il colore è vivo, splendente, quasi aranciato, fuori scala di rosa antico. La vinificazione in bianco del Cannonau regala un ventaglio di aromi molto variegati e nitidi. Sentori di ciliegia, lampone e ribes, fiori freschi anche un pò erbacei di macchia mediterranea, lasciano spazio a velate speziature quasi impercettebili. Buon equilibrio con un’acidità ben delineata, una freschezza viva e decisa. Ottima la percezione retronasali con le foglie di macchia verdi che tornano quasi vorticosamente.
Il metodo biodinamico utilizzato dal produttore enfatizza la naturalità di questo prodotto. Pietro e sua moglie Roberta hanno un legame indissolubile con questa terra. Pantumas è l’emblema della tradizione sarda e del mistero avvolgente che questa terra è capace di regalare.

Si invitano i lettori a contattarci all’indirizzo e-mail
info@ilpizzicodelgallo.it
per avere la scheda di degustazione del vino appena descritto

read more

Contatti

Su dai…..scrivimi….

Sei un piccolo produttore che vuole avere una recensione gratuita sul vino o distillato prodotto?