In Barbagia si producono vini da Nobel

Mamoiada, “cru'” del Nuorese
Un Cannonau eccezionale vinificato in purezze a ridosso delle colline della Barbagia. Siamo nella Cantina Bonamici ad una altitudine che inizia ad essere importante per la vite 700-800m s.l.m. Qui durante i mesi più rigidi ci sono fenomeni nevosi molto copiosi. Tuttavia, durante il periodo estivo, i venti che arrivano anche dal maestrale, l’aria secca, calda e avvolgente, con punte di pungenza per i meno abituati, riesce a dare col giusto grado di complessità al bouquet di profumi che sprigionano le uve, prima, e i vini, dopo.
Qui la complessità del territorio, fatto dalle innumerevoli ed indimenticabili tradizioni, folklore, culture che unisco l’arte, la poesia, l’amore per la terra viene affrontata con la complessità della necessaria e corretta integrazione dell’uomo con la natura. Per ottenere la bellezza, nel senso più epistemologico del termine, è necessario affrontare la complessità dei problemi con la necessaria complessità delle soluzioni. Solo così le risorse naturali e la capacità portante della nostra natura non verranno mai messe a repentaglio per la prosecuzione della vita del genere umano.
L’etichetta in degustazione ha un nome che sintetizza tutto il “verismo” di questa terra: Deledda. Un nome di fantasia per un’etichetta di un vino che evoca la scrittrice sarda (Premio Nobel della Letteratura) , come ambasciatrice delle tradizioni locali.
Per parlare di questo vino, non faremo la consueta degustazione. Questo vino ci ha colpito nel suo olfatto e nel suo gusto, perchè egli è diretto, come un sardo “purosangue”; arriva dritto “al cuore”, compassato e schietto. Una splendida complessità, inconsueta, si propaga in aria: quello che più ci rende sorpresi sono le note odorose di fruttato e floreale che sono quasi poste in secondo piano rispetto ad concentrato effluvio di note eteree a dir poco balsamiche, sgominate a volte da leggere spezie e leggere tostature. Infine, frutti e fiori a polpa e petalo rosso, non particolarmente maturi.
Siamo di fronte ad una ricercata etichetta di un territorio ampio come un fazzoletto a cui auguriamo di entrare presto nell’Olimpo dei migliori vini espressione del territorio italiano.

Deledda – Cannonau di Sardegna Doc – Tenute Bonamici

 

Nome degustatore                   Temperatura vino                   Temperatura ambiente
Il Pizzico                                             16°C                                             22°C

Categoria vino                                   Data
Rosso                                            18.12.2017

Nome Vino                               Titolo Alcolometrico                      Annata
Deledda                                             14,5%                                        2015
Cannonau di Sardegna Doc

ESAME VISIVO Limpidezza   Limpido
Colore   Rosso rubino acceso
Consistenza/Effervescenza   abb. Consistente
Osservazioni
ESAME OLFATTIVO Intensità   Intenso
Complessità    Complesso
Qualità  fine
Descrizione
 Etereo, Fruttato, Floreale, Speziato, Tostato (cera lacca, gomma piuma, morbide note di frutti a polpa rossa e intense note di fiori di piacevole persistenza: amarena, frutti di bosco, fragoline, marasca, chiodi di garofano, peonia, mammola, viole,sottobosco, umido).
Osservazioni
ESAME

GUSTO – OLFATTIVO

Zuccheri
Secco
struttura
o corpo

 

abbastanza fresco                             Acidi  
Alcoli  abbastanza caldo Abbastanza tannico                               Tannini
Polialcoli Morbido abb. sapido    Sostanze minerali
Equilibrio  Equilibrato
Intensità  intenso
Persistenza   persistente
Qualità fine
Osservazioni:  

CONSIDERAZIONI

FINALI

Stato evolutivo Pronto
Armonia armonico
Abbinamenti consiglio di abbinare questo vino ad un secondo piatto di carne particolarmente strutturato strutturato con ottime dosi di spezie variegate.
Punteggio 90

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*