Tradizioni emiliane: “Radice” di Paltrinieri

Lambruschi: Sorbara

Oggi parliamo di Emilia, della famiglia dei Lambruschi, veri autoctoni della bassa padana. Siamo a Sorbara, frazione di Bomporto, nel modenese. Siamo in un territorio estremo per la viticoltura. Gli addetti ai lavori storceranno il muso a leggere una cosa del genere; tuttavia, la vite coltivata in pianura (peraltro qui siamo sotto il livello del mare) non dà sempre risultati eccellenti per motivi di esposizione e giacitura del terreno. Vento, sole, ed escursioni termiche in queste zone sono molto ristrette.
Eppure c’è sempre un buon motivo per ricredersi. Radice è un Labrusco di Sorbara in purezza. Una denominazione storica nella bassa emiliana. Vitigno di tradizione e fascino che appartiene ad una famiglia di vitigni un po’ sottovalutati anche da noi addetti ai lavori. Tuttavia c’è sempre tempo per ricredersi, come ha fatto la famiglia Paltrinieri.
La particolarità del processo produttivo di Radice è l’assenza della sboccatura. C’è una rifermentazione in bottiglia su lieviti indigeni che non viene seguita da una sboccatura.
Questa è la particolarità del nostro vino del giorno. Ottimo anche il rapporto qualità / prezzo. Una nota di merito: il sito internet della cantina Paltrinieri è uno dei pochi del settore ad inserire i prezzi dei prodotti nelle schede tecniche.

Radice


Radice – Paltrinieri

AIS – Associazione Italiana Sommelier

SCHEDA ANALITICO – DESCRITTIVA DEL VINO

Nome degustatore                   Temperatura vino                   Temperatura ambiente
Il Pizzico                                             16°C                                             25°C
Categoria vino                                   Data
Rosso frizzante
                                 09.04.2017
Nome Vino                               Titolo Alcolometrico                          Annata
Radice
                                              11,5%                                            2015
Lambrusco di Sorbara Doc

ESAME VISIVO Limpidezza   Limpido
Colore   Rosso rubino (particolarmente scarico) con riflessi marcatamente purpurei
Consistenza/Effervescenza   Petiage
Osservazioni
ESAME OLFATTIVO Intensità   abb Intenso
Complessità   abb  Complesso
Qualità abb  Fine
Descrizione
Floreale, fruttato, fragrante  (morbide note di fiori e frutti freschi rossi: rosa, mammola, violetta; fragolina di bosco, mirtilli, lampone; note di crosta di pane per la rifermentazione in bottiglia con assenza di sboccatura)
Osservazioni
ESAME

GUSTO – OLFATTIVO

Zuccheri
Secco

struttura
o corpo

 

abb. fresco                             Acidi  
Alcoli  abb.caldo poco tannico                       Tannini
Polialcoli abb. Morbido

abb. sapido    Sostanze minerali

Equilibrio  Abb. Equilibrato
Intensità   abb Intenso
Persistenza  abb. Persistente
Qualità abb Fine
Osservazioni: un vino eccellente nella sua sapidità e mineralità. La sua salinità dovuta alla vicinanza del mare, offre delle sensazioni uniche.
CONSIDERAZIONI

FINALI

Stato evolutivo Pronto
Armonia Abb.Armonico 
Abbinamenti Consiglio di abbinare questo vino ad aperitivi freschi poco strutturati.
Punteggio 80

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*